L’Italia spera di evitare un altro aumento dell’IVA

L’Italia spera di evitare un altro aumento dell’IVA

Posted by on May 2nd, 2012 with 0 Comments
02 LItalia spera di evitare un altro aumento dellIVA

Appurando il fatto che ridurre al massimo la spesa pubblica sia necessario per alleggerire il carico fiscale sui contribuenti, il governo italiano ha annunciato una revisione della cornice di spesa reale affrontata dallo stato. Tale revisione avrà luogo nel prossimo mese.

Il governo di Mario Monti ha affermato che, per evitare un ulteriore aumento dell’IVA, siano obbligatori numerosi cambiamenti e tagli alla spesa pubblica. Le misure “Salva Italia” includevano un altro aumento dell’IVA del 2% sui tassi del 10% e del 21%, che dovrebbe entrare in vigore in Settembre dell’anno corrente, nel caso ci sia il rischio che il bilancio del Bel Paese non raggiunga il pareggio entro il 2013.

Per evitare questo ulteriore aumento sul carico fiscale dei contribuenti, il governo sta cercando di identificare possibili tagli per racimolare almeno 4,2 miliardi di Euro.

Una riduzione della spesa pubblica di tale entità, da raggiungere in 7 mesi, nel periodo da Giugno a Dicembre 2012, dovrebbe essere sufficiente ad evitare l’aumento dell’IVA.

I Ministri sono stati informati che i tagli non dovrebbero essere effettuati uniformemente su tutta la spesa pubblica, ma che dovrebbero essere identificate aree specifiche per eliminare gli eccessi, revisionare i piani di spesa, rendere efficienti l’acquisto di beni e servizi ed identificare proprietà che potrebbero essere vendute.

Durante la conferenza stampa tenuta per discutere la revisione, Monti ha dichiarato che il Governo non ha avuto piacere nell’aumentare le tasse, ma che un obiettivo di breve termine poteva essere raggiunto solo nel caso in cui la gente avesse pagato le tasse, riconoscendo che non farlo è una pratica immorale.

Tuttavia, la maggiore imposizione fiscale ha spinto molte società internazionali a guardarsi attorno, espandendo il proprio mercato e scoprendo strade adeguate all’ottimizzazione fiscale. Impostando una struttura fiscalmente efficiente, una società può continuare a crescere, apportando vantaggio economico in tutti i mercati in cui opera. La costituzione di una società all’estero con Tax & Advisepotrebbe essere la soluzione adatta per gestire al meglio la fiscalità di una società che mira all’espansione ed opera in ambito internazionale.

{lang: 'it'}

share save 171 16 LItalia spera di evitare un altro aumento dellIVA

Leave a Reply

*
= 3 + 8

Comment moderation is enabled. Your comment may take some time to appear.